O1K0S - VERSO UN ECOMUSEO DELLO STRETTO

o1k0s è un progetto dell’Accademia che connette i progetti che essa produce con la città. L'obiettivo è costruire un Ecomuseo dello Stretto



Descrizione

o1k0s nasce nel 2023 in seno all'Accademia di Belle Arti con l'intento di mettere in connessione i progetti che l'accademia produce con la città di Reggio Calabria. L'obiettivo del progetto è quello di costruire un "Ecomuseo dello Stretto": uno spazio espositivo e un luogo collettivo per la città, che metta al centro il territorio e la comunità. L'intervento intende mettere a fuoco: cosa vuol dire essere un ecomuseo e il modo in cui questo sia fortemente legato alla visione di una città ecosistemica; come agisce nella città attivando un processo trasformativo di rigenerazione; il modo in cui i processi attivati sul territorio si traducono e raccontano attraverso interventi artistici, exhibit digitali e interattivi. In seguito, saranno presentate le metodologie adottate, in relazione alle specificità della ricerca che nell’Accademia di Belle Arti si conduce attraverso le pratiche, con un forte orientamento interdisciplinare; e raccontate sia le progettualità attivate nell'anno 2023 che quelle in programma per il 2024. o1k0s nasce come un "ecosistema molto stretto". Pensato come spazio digitale, già accessibile su www.o1k0s.it e come luogo fisico (a lungo termine). Nel 2023 il lavoro di ricerca ha previsto l'avvio della fase progettuale, la definizione della piattaforma contenitore e della metodologia utilizzata. L'accademia di belle arti attiva il processo di costruzione dell'ecomuseo integrando un lavoro di progettazione concreto nell'attività didattica. Parte dagli strumenti del community engagement, attraversa le metodologie del community mapping per raccogliere e raccontare storie di persone e luoghi, le pratiche della public history. Lo fa con la pratica artistica nello spazio pubblico, invitando artisti a dialogare con studenti e territorio. Infine, progetta e realizza un sistema di fruizione legato ai nuovi linguaggi della comunicazione, digitali e interattivi. Le attività in programma per il 2024 sono: una serie di iniziative sulla costruzione collettiva dell'ecomuseo che intendono dare continuità alle riflessioni già avviate; il progetto dal titolo "Comunicazione Ecosistemica" incontro, workshop con l'artista Oriana Persico; il progetto dal titolo “C.A.N.T.I." che rielabora i miti di fondazione della città di Reggio Calabria attraverso l'uso di strumenti legati all'intelligenza artificiale, un progetto di Digital Storytelling della città.


Bisogni a cui risponde

alla necessità di rafforzare la percezione della città, delle sue storie, dei suoi spazi pubblici, da parte dei cittadini e turisti


Quale contributo darà alla tua comunità?
Quali problemi intende risolvere?

Attivazione di un processo trasformativo di rigenerazione urbana e umana, che passa attraverso la creazione di un ecomuseo, in cui le pratiche artistiche contemporanee dialogano con lo spazio pubblico, il territorio e la percezione della città da parte dei cittadini


Elemento distintivo iniziativa

Costruire un "Ecomuseo dello Stretto": uno spazio espositivo e un luogo collettivo per la città, che metta al centro il territorio e la comunità. Si tratta di raccogliere le storie della città, interpretare il presente con una pratica che è artistica, e immaginare il futuro.


Quali sono le risorse e le tecnologie che ti servono per implementare l’iniziativa?

Accesso agli spazi pubblici, peer installazioni artistiche e un sistema di segnaletica per accedere alle estensioni multimediali del progetto Uno spazio fisico sede dell'ecomuseo e delle sue produzioni Materiali e strumenti per le produzioni artistiche


Destinatari

Studenti e studentesse dell'accademia di belle arti, giovani creativi principalmente residenti nella città metropolitana di Reggio Calabria e nell'area dello stretto. Abitanti, turisti e visitatori occasionali


Torna su